Puntata n°24 del 2009/2010 – “Pinocchio: il grande musical” con Manuel Frattini

“Pinocchio: il grande musical” con Manuel Frattini, tra i più grandi interpreti del musical italiano, torna a vestire i panni del burattino più famoso del mondo. Per Manuel Frattini il momento più emozionante ogni sera, anche dopo più di 400 repliche, è quello in cui Pinocchio vuole tornare albero, perché gli alberi crescono mentre lui è bloccato in una esistenza senza tempo. Ma anche il finale del primo atto, quando la Fata Turchina ricorda che “nessuno nasce per niente” e tutti noi abbiamo un destino, con le nostre differenze ma in fondo uguali, regala sicuramente agli spettatori un momento spettacolare e di grande coinvolgimento, con la moltiplicazione di Pinocchio davanti agli specchi.

Continua a leggere

Puntata n°23 del 2009/2010 – “Hocus molto pocus” con Raul Cremona

“Hocus molto pocus” uno show che ha il sapore e il fascino di uno spettacolo d’altri tempi, magia, prestigiazione, gag, musica, macchiette, sono le dominanti di questo spettacolo: un viaggio bizzarro che parte dal palcoscenico di un teatro pieno di ricordi d'infanzia e di oggetti magici e trasporta il pubblico in un vorticoso giro in giostra tra gag, travestimenti, giochi di prestigio e battute al vetriolo. La regia dello spettacolo è di Raffaele De Ritis, già collaboratore del Cirque du Soleil, di Disney on Ice e del Circo Barnum. Accanto a Raul Cremona il pianista Lele Micò e l’attore comico Felipe.

Continua a leggere

Puntata n°22 del 2009/2010 – “Il piacere dell’onestà” con Leo Gullotta

“Il piacere dell'onestà” di Luigi Pirandello, uno spettacolo che incanta e appassionare la platea. Leo Gullotta è il personaggio Angelo Baldovino, uomo privo di moralità, accetta solo per il piacere dell’onestà di sposare una ragazza che aspetta un figlio da un uomo sposato. L’ennesimo matrimonio bianco serve a Pirandello per mandare in cortocircuito il rapporto tra essere e apparire. La storia di un uomo che ha attraversato la disonestà ma che sceglie poi di essere onesto: è un viaggio inquietante nei sentimenti.

Continua a leggere

Puntata n°21 del 2009/2010 – “Diario di un pazzo…che amava Shakespeare” con Anna Mazzamauro

“Diario di un pazzo...che amava Shakespeare” si ispira al Diario di un pazzo di Nikolaj Gogol, il nuovo intenso lavoro scritto ed interpretato da Anna Mazzamauro. Il Diario di un pazzo è la storia di un personaggio classico della letteratura russa dell'Ottocento: l'impiegato frustrato, grigio e insignificante dell'amministrazione zarista, che qui si incammina progressivamente verso la follia. Tapino e pavido archivista, relegato alla mansione di appuntatore di matite per il suo capoufficio e respinto dalla di lui figlia, Popriscin vive in uno spazio fatto di astrazione e intimità. Il suo misero e solitario mondo è popolato di ricordi e aspirazioni. Il pettegolezzo si mescola all’apparenza, l’umiliazione si trasforma in esaltazione, la fragilità sfocia nella disperazione, lo sdoppiamento si manifesta come vera e propria schizofrenia: il protagonista si decompone, diventa un altro da se stesso.

Continua a leggere

Puntata n°20 del 2009/2010 – “La locandiera” con Galatea Ranzi e Luca Lazzareschi

“La locandiera” interpretata da Galatea Ranzi, l'opera di Carlo Goldoni prodotta dagli stabili 'Biondo' di Palermo e Verga di Catania per la regia, le scene e i costumi firmati da Pietro Carriglio. Con l'attrice nel ruolo della protagonista, in scena Luca Lazzareschi nei panni del cavaliere di Ripafratta, Nello Mascia come il marchese di Forlimpopoli, Sergio Basile per il conte d'Albafiorita e Luciano Roman nella parte di Fabrizio.

Continua a leggere

Puntata n°19 del 2009/2010 – “Attico con vista…vendesi” con Fabrizio Frizzi, Carlo Alighiero e Rita area of expertise

“Attico con vista...vendesi” una commedia che può divertire e interessare il pubblico, per abilità con la quale sono disegnati i personaggi e per le canzoni romane cantate e suonate dal vivo. La commedia, scritta dallo stesso Alighiero con Cinzia Berni e Guido Polito, decolla a fatica, e solo nel finale, con il doppio colpo a sorpresa. Il vero motore della narrazione è l’insieme degli stornelli e delle canzoni della tradizione romana che formano un tutt’uno con la sceneggiatura. Da Cento campane e L’amore è un sogno, ai classici Roma nun fa’ la stupida stasera (solo accarezzata da Alighiero) e Tanto pe’ canta, fino alla ironica Ammazzate oh! , tutte interpretate dal vivo dalle ugole dei tre protagonisti.

Continua a leggere

Puntata n°18 del 2009/2010 – “Ecuba” con Isa Danieli e Franco Acampora

“Ecuba” è la tragedia che racconta gli esiti dolorosi della guerra di Troia, il conflitto dove le donne del casato di Priamo vinto dai greci, perdono la patria, la famiglia e gli affetti. Ma Ecuba è soprattutto la tragedia degli innocenti, di quei figli immolati per potere, per danaro e per vendetta. Ed è in questo che Ecuba reclama una modernità che riporta direttamente alle migliaia di donne vittime dei conflitti del mondo contemporaneo, come allora private dei loro affetti e dei loro averi. A Euripide si deve la creazione di una serie di grandi figure femminili, problematiche ed inquietanti, in cui la sensibilità tormentata, a volte torbida, non può e non sa trovare nelle facoltà razionali soluzioni equilibratrici.

Continua a leggere

Puntata n°17 del 2009/2010 – “La tartaruga di Darwin” con Viviana Toniolo e Carlo Lizzani

“La tartaruga di Darwin“ con Viviana Toniolo, Annalisa Di Nola, Carlo Lizzani, Massimiliano Franciosa, regia di Stefano Messina. La longeva tartaruga ha ispirato la commedia di uno dei più interessanti drammaturghi spagnoli contemporanei, Juan Mayorga. L'autore immagina la storia di un'anziana signora, Harriet, che di fatto è la famosa tartaruga che sottoposta a stimoli straordinari, si è evoluta in donna, ha quasi duecento anni e ha attraversato e vissuto i fatti più importanti e tragici della moderna storia europea. La tartaruga di Darwin è veramente esistita. Morì quattro anni fa in uno zoo australiano, a 176 anni. Si chiamava Harriet ed era la più longeva creatura vivente al mondo, riconosciuta dal Guinness dei primati. Si ritiene abbia aiutato Darwin a formulare la teorie dell’evoluzione. Il veterinario dell’Australia Zoo, dove ha vissuto gli ultimi 18 anni della sua vitA, la dichiarò morta per un attacco cardiaco acuto. Secondo gli studiosi la tartaruga, che pesava 150 kg, era nata alle Galapagos nel 1830. Harriet era nata pochi anni prima della spedizione scientifica compiuta nel 1835 nelle Galapagos da Darwin che la riportò a Londra, insieme ad altri giovani esemplari, a bordo del ‘Beagle’, il brigantino della regia marina militare inglese.

Continua a leggere

Puntata n°16 del 2009/2010 – “Un sogno di famiglia” con Enrico Montesano

“Un sogno di Famiglia” una inedita commedia con musiche, scritto da Enrico Montesano insieme ad Anna Maria Carli e Francesco Asioli. Una commedia molto divertente che vede accanto a lui, Sandra Collodel (la moglie Miuccia), Maurizio Aiello (il fotografo Federico), Biancamaria Lelli (la Signorina Alfonsi), Prospero Richelmy (il fratello Renato Torelli), Francesca Ceci (la figlia Sara),Goffredo Maria Bruno (Diego Mendes), Simone Finotti (Domenico), Martina Taschetta e Gianluca Grecchi (rispettivamente gli altri due figli Lella e Jejo).

Continua a leggere

Puntata n°15 del 2009/2010 – “La commedia di Candido” con Ottavia Piccolo e Vittorio Viviani

“La commedia di Candido” di Stefano Massini, per la regia di Sergio Fantoni. Lo spettacolo è interpretato da una irresistibile Ottavia Piccolo e da Vittorio Viviani, Massimiliano Giovanetti, Natalia Magni, Francesca Farcomeni, Desireè Giorgetti, Alessandro Pazzi. Le scene e i costumi sono di Gianluca Sbicca e Simone Valsecchi, le musiche di Cesare Picco e le luci di Iuraj Saleri.

Continua a leggere

Puntata n°14 del 2009/2010 – “Metti in salvo il tesoretto” con Gianrico Tedeschi e Marianella Laszlo

“Metti in salvo il tesoretto” tratto dall’Aulularia di Plauto, rielaborazione dello stesso Tedeschi, per la Regia di Walter Mramor. Tutto è deformato e surreale nel teatro di Plauto, e autorizza a rappresentarlo come una specie di torre di Babele, una suggestiva e affascinante baraonda dove succede di tutto: attrici, attori che fanno due o tre personaggi, donne che diventano uomini, giovani che diventano vecchi al servizio di uno spettacolo che non vuol essere nulla più di un'occasione antica e contemporanea di far ridere come voleva quel grande poeta latino citato da Dante.

Continua a leggere

Puntata n°thirteen del 2009/2010 – “L’importante è vincere senza partecipare” con Paola Minaccioni e Barbara Folchitto

“L'importante è vincere senza partecipare” è un'originale commedia-gioco nella quale due donne, dalle vite e dai caratteri completamente diversi e convinte che nella vita occorra essere vincenti a tutti i costi, scoprono di avere le stesse difficoltà, le stesse paure e le stesse nevrosi. Testo scritto da Lillo è particolarmente tenero e frizzante, ha il pregio di essere non solo divertente ma anche, sebbene in chiave ironica, piuttosto vicino alla sensibilità femminile e persino quando, inevitabilmente, cade nel luogo comune, lo fa con stile impeccabile ed irresistibile. Perfette nei loro ruoli le bravissime e spiritose Paola Minaccioni e Barbara Folchitto attrici di lunga esperienza teatrale cinematografica e televisiva.

Continua a leggere
  • 1
  • 2
Chiudi il menu