Puntata n°09 del 2010/2011 – “Radice di 2” con Michele La Ginestra ed Eddy Angelillo

Puntata n°09 del 2010/2011 – “Radice di 2” con Michele La Ginestra ed Eddy Angelillo

[flv]http://www.contattonews.it/ctv/2010-2011/contatto_tv-puntata_09_del_2010-2011.flv[/flv]

Intervista a cura di Orlando Manzi a Michele La Ginestra ed Edy Angelillo in scena con lo spettacolo teatrale “Radice di 2“.

Radice di 2” è uno spettacolo intenso, particolarmente avvincente e pieno di emozioni, un testo pieno di ritmo e di brio. I dialoghi brillanti e le battute ironiche hanno creato momenti di pura allegria strappando sorrisi ed applausi a tutti gli spettatori. Ma la bellezza dello spettacolo è stata quella di saper condensare gli spazi allegri con momenti di riflessione, di amare conclusioni, di situazioni drammatiche, senza creare nessun tipo di conflitto all’interno del testo ma rendendo tutto gradevole e affascinante.

In breve, la trama: La vicenda ruota intorno a due personaggi, Geraldina e Tommaso, ormai maturi, lontani dalla giovinezza ma non dai ricordi e da quelle sensazioni che da sempre hanno accompagnato la loro vita di coppia. Tommaso ha raggiunto l’età della pensione e traccia un bilancio del suo passato, attraverso memorabili flashback prende vita la storia d’amore tra Gerri e Tom, il loro primo incontro, il primo bacio, la naturalezza dei gesti; poi l’adolescenza, la crescita e la voglia di vivere ed amare. Infine la beata giovinezza, l’impulsività, i tanti sogni e le variegate speranze. Le loro vite sono state distinte e contrapposte, divise da caratteri differenti, ma unite da un solido amore. Il continuo rincorrersi si risolverà nell’unione perenne della coppia. Il finale amaro porta a delle tragiche considerazioni sulla vita e sull’ imprescindibile stadio della vecchiaia. Tutto il racconto è arricchito da una sequenza di numeri e di operazioni matematiche che Tommaso elenca con ironia, ma che ha sempre odiato e rifiutato, costretto suo malgrado a dover studiare da bambino, ma ritenendo inutile il suo utilizzo. Uno spettacolo brillante, con risvolti dolci-amari, per divertirsi e per riflettere, per sorridere e sognare.

Chiudi il menu